Virtualizzazione Pubblica

Cosa può fare la virtualizzazione per una piccola realtà come un’Azienda di meno di dieci persone o un piccolo ufficio comunale?
La risposta è certamente: molto.

In questo case study espongo un progetto realizzato per un piccolo comune con meno di 1.500 abitanti e 8 dipendenti comunali.

PREMESA
Il progetto si è reso necessario per ammodernare il vecchio impianto informatico datato 2003. Tutte le applicazioni risiedevano su un server Windows 2000, ma l’hardware era obsoleto, i ricambi difficilmente reperibili, inoltre lo spazio disco e le prestazioni iniziavano ad essere inadeguate.

SOLUZIONE

Abbiamo acquistato un nuovo hardware, un server con doppio processore Intel Xeon, con 16GB di RAM e un doppio RAID, 2 dischi in mirroring e 4 dischi in RAID 5, una scheda di rete aggiuntiva Intel Gigabit ET Quad Port e ovviamente doppia alimentazione.
Questa  configurazione hardware, con un costo di circa 4.000 Euro, ci consente tranquillamente di avere 4/5 server virtuali, fissando il costo per macchina ad un valore inferiore ai 1.000 Euro. Direi che solo un paio di anni fa, sarebbe stato impensabile avere server ad alta affidabilità con cifre così contenute.

I due dischi in mirroring sono necessari per l’installazione del software VMWare ESXi 4.0, che ricordo è gratuito e downlodabile dal sito VMWare.
All’interno del RAID 5 vanno creati più LUN, 1 VMFS per i file dei server virtuali, 1 spazio di storage per i file, 1 LUN RAW per SQL ed eventualmente 1 un altro RAW per Exchange.

All’interno della macchina fisica sono stati installati 4 server virtuali Microsoft Windows Server 2008 R2, il tutto grazie a una sola licenza Windows Server Enterprise che garantisce 4 istanze virtuali.

nel dettaglio:

  • Il primo server fa da Domain Controller, eroga servizi DNS e DHCP ed è il gestore del repository del File Server, Print Server,  oltre che gestire servizi per la rete come Proxy e Antivirus centralizzato
  • Il secondo server gestisce gli applicativi comunali, in gestione comune con le software house che sviluppano tali applicativi, inoltre replica AD e fa da DNS secondario
  • Il terzo server è il Database Server, su cui è installato Microsoft SQL Server 2008
  • Il quarto server gestisce la posta elettronica. Il Mail Server è gestito con gli applicativi Softalk, perché la Collaboration Suite costa poco meno della sola licenza base di Microsoft Exchange, quindi aggiungendo poi circa 100 Euro poi per ogni CAL di MS Exchange, il paragone di prezzo si farebbe sicuramente improbo. In aggiunta a questa motivazione Mail Server di Softalk integra al suo interno anche un servizio di Antivirus e Antispam che fa risparmiare ulteriormente sull’acquisto questi servizi da terze parti.

VANTAGGI
Abbiamo intrapreso questa strada perché i benefici sono molteplici, a partire dal semplice fatto che il nuovo hardware viene sfruttato all’80% del suo potenziale (contro l’8% del precedente) e ciò nonostante consuma il 15% in meno di elettricità.
La nuova macchina oltre a rispondere ai requisiti di spazio e maggior capacità elaborativa, grazie alla virtualizzazione ci consente di poter operare in modo migliore e più strutturato, demandando anche alcune manutenzioni in sicurezza alle software house esterne, in mode che queste abbiano accesso in manutenzione ai loro applicativi, ma nessun controllo sul network.

SVILUPPI FUTURI
L’utilizzo della virtualizzazione ci consente di avere macchine facilmente backuppabili e trasferibili anche su nuove piattaforme. È una soluzione scalabile, non certo all’infinito, ma già una macchina a 8 core e con la possibilità di espandere la ram a 64 giga può crescere.
In futuro affiancando 2 server si potrà facilmente creare una soluzione di high avaiability, infatti grazie alle funzioni VMotion e HA di VMWare si può facilmente portare il sistema in alta disponibilità; inoltre in uno scenario di questo tipo si potrebbero anche virtualizzare gli ambienti desktop.

NOTE
Direi che se in questo scenario sostituiamo gli applicativi comunali con un prodotto gestionale di fascia media come ad esempio Gamma Sprint di TeamSystem si può ricreare la tipica situazione della piccola impresa italiana.

Una risposta a Virtualizzazione Pubblica